Vai direttamente al contenuto
 
Menu di servizio
Menu di navigazione sinistro

 

servizi cittadino2

 

 

politiche sociali

 

 

 

 

 

Comune Notizie2

 

 

 

 

comefareper2

 

 

 

 

 

protezione civile regione l

 

 

 

geoplan

 

 

 

quotidiano pub amm

 

 

 

 

 

definizione agevolata
 

Z.T.L. varchi elettronici


 

DUE  OCCHI VIGILI A TUTELA DEL CENTRO STORICO

planimetria ztl p
 
 
Planimetria ZTL con posizione varchi elettronici

 

 

Come altre città italiane ed europee, FIANO ROMANO  si è dotata di un sistema di lettura ottica delle targhe dei veicoli in transito nella Zona a Traffico Limitato (Z.T.L), compresa all'interno del perimetro delle Mura Urbane, conosciuta come "Centro Storico".

L'area indicata attualmente  è suddivisa in due zone differentemente regolamentate e più precisamente:  

1.    Area di “Libero accesso”  (Piazzale Cairoli - Tratto di Via Roma  fino all'intersezione con Via XX Settembre - Via XX Settembre ) nella quale è comunque vietato l’ingresso agli

a)    autocarri, con peso a pieno carico  superiore a 3,5t
b)    autocarri con peso a pieno carico inferiore a 3,5t  con Larghezza massima superiore a mt. 2,00 - Altezza massima superiore a mt  2,70

2.    Zona a Traffico Limitato (Z.T.L.), nella quale l’accesso è consentito  esclusivamente ai veicoli autorizzati muniti di apposito contrassegno, la sosta è consentita ai residenti  negli spazi di sosta riservati e ove non in contrasto con le regole del Codice della Strada. La sosta in modo temporaneo è consentita anche ad altri autorizzati previa l’esposizione del disco orario, posto in maniera ben visibile sul parabrezza del veicolo.

All'interno di questa area è comunque vietato l’ingresso agli

a)    autocarri, con peso a pieno carico  superiore a 3,5t
b)    autocarri con peso a pieno carico inferiore a 3,5t  con Larghezza massima superiore a mt. 2,00 - Altezza massima superiore a mt  2,70.


FUNZIONAMENTO

Il sistema di rilevamento delle targhe  è articolato in DUE  "accessi protetti" al Centro Storico di FIANO ROMANO, collegati con la centrale di controllo della Polizia Locale ove la stessa verifica che gli accessi siano regolari (autorizzati) ed accerta le violazioni a carico dei veicoli non autorizzati.

I varchi d’ingresso /uscita al/dal centro storico sono i seguenti

1.    INGRESSO: Via Roma intersezione con Via XX Settembre  
2.    INGRESSO/USCITA : Piazzale XXV Luglio

Ogni accesso protetto è dotato di :

a)    Telecamera che rileva il passaggio dei veicoli.
b)    Corpo illuminante a raggi infrarossi per la lettura dell’immagine della targa.
c)    Elaboratore per la comparazione della targa con le liste dei veicoli autorizzati.
Le telecamere sono collegate ad una banca dati che contiene le targhe dei veicoli che possono entrare ed il periodo di validità dell'autorizzazione (cosiddetta *Lista bianca*).

Una volta rilevato il transito, il sistema "legge" la targa del veicolo e ne riconosce i caratteri.
Se la targa è inserita nella *Lista bianca* il transito viene autorizzato, altrimenti viene scattata una foto per il successivo procedimento sanzionatorio previsto dalle norme del C.d.S. Lo stesso accade se il sistema rileva un errore di lettura.

ATTIVITA' DELLA POLIZIA LOCALE -

Gli Agenti e Ufficiali di Polizia Locale

a)    Confermano i dati o correggono la lettura, individuando eventuali targhe speciali (forze di polizia, ambulanze,...) non ancora inserite in lista bianca.
b)    Verificano eventuale documentazione (autorizzazioni temporanee, veicoli al servizio di disabili,...).
c)    Gestiscono il procedimento sanzionatorio secondo le norme del C.d.S. per l'irrogazione della sanzione   con la formulazione del relativo verbale.


ZONA A TRAFFICO LIMITATO: MULTE - NOTIFICHE - FOTO

Il Codice della Strada prevede che la notifica di una violazione debba essere effettuata entro:

a)    90 giorni per tutte le violazioni commesse da veicoli italiani.
b)    360 giorni, se il veicolo è straniero.

L'iter di una sanzione per accesso non autorizzato ai Varchi elettronici inizia generalmente dopo 10 giorni dalla data dell'avvenuta violazione.
Il cittadino ha infatti 72 ore a disposizione per spedire al Comando una comunicazione per regolarizzare  un "transito” non  autorizzato" (art. 23 del Regolamento).

INFO SU FOTO DELLE TELECAMERE

Chi ha ricevuto un verbale per essere entrato in ZTL può verificare immediatamente di essere il proprietario del veicolo effettivamente sanzionato.
Si possono ottenere informazioni e vedere la foto della violazione in diversi modi:
a)    sulla pagina on-line – Polizia Locale – Visione dati Verbali codice della strada.  

Attraverso il servizio on-line è possibile vedere e stampare la foto del transito irregolare: il trasgressore - in possesso del verbale notificato - dovrà inserire negli appositi campi:
a)    numero di targa del veicolo
b)    numero del verbale
c)    data della violazione

Il sistema abiliterà così la visualizzazione del Verbale e della  foto del veicolo.
Altre modalità saranno indicate nel Verbale “Meccanizzato” redatto per le violazioni accertate in caso di transito non autorizzato.
 

ZTL: se la multa è "sbagliata"

Tramite i varchi elettronici la Polizia Locale  verifica che gli accessi alla Zona a Traffico Limitato siano regolari (autorizzati) ed accerta le violazioni a carico dei veicoli non autorizzati.

Potrebbe capitare che alcuni cittadini ricevano multe che ritengono sbagliate.

Tipologie d'errore comune

a)    Il veicolo è stato venduto molti mesi prima della violazione.
b)    Il veicolo risultava rubato alla data della violazione.

Tali situazioni si affrontano in modo diverso.

In questi casi l’utente dovrà spedire con le modalità indicate nel Verbale di accertamento per sanzione Codice della strada  

a)    Copia dell’atto di vendita (N.B. non è sufficiente la procura a vendere)
b)    Denuncia di furto o il verbale di ritrovamento o la registrazione della perdita di possesso.

Per tutti gli altri generi di errore è necessario attendere la notifica di tutte le violazioni già accertate e già gestite dalle diverse fasi della procedura e presentare poi ricorso al Giudice di Pace di Poggio Mirteto o al Prefetto di Roma .

Ne sono un esempio:

a)    La compilazione sbagliata della richiesta di permesso indicando targhe sbagliate.
b)    Dimenticare di rinnovare un permesso.
c)    Indicare targhe sbagliate da parte degli uffici che gestiscono flotte aziendali e veicoli istituzionali.
d)    Dimenticare di regolarizzare un transito irregolare (art 23 Regolamento) entro il termine stabilito.

Anche il singolo interessato perciò, che commette un errore nella compilazione della domanda di permesso, dovrà presentare regolare ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto
 

VERBALI SERIALI: Tanti accessi NON possono essere ricondotti ad un unico verbale di violazione?

Non è possibile "unificare" tanti accessi abusivi in un'unica violazione perché l'articolo 198 comma secondo del Codice della Strada, prevede " In deroga a quanto disposto nel comma 1, dell'art 198  nell'ambito delle aree pedonali urbane e nelle zone a traffico limitato, il trasgressore ai divieti di accesso e agli altri singoli obblighi e divieti o limitazioni soggiace alle sanzioni previste per ogni singola violazione. "
Significa che l'interessato risponde di ogni singola violazione (di ogni singolo verbale) per molti transiti irregolari fatti dai diversi accessi siano essi in sequenza temporale con un'unica azione sia nel caso gli accessi siano avvenuti in diversi momenti della giornata o in giorni diversi.
Siccome attualmente le telecamere non rilevano il transito in uscita dalla ZTL, ad ogni verbale corrisponde un accesso alla ZTL.

Non è sbagliato il verbale inviato al trasgressore che non contiene la firma originale dell'agente o dell'ufficiale giudiziario.


Il verbale inviato a casa del trasgressore è un elaborato meccanografico conforme all'originale. E' previsto che esso contenga tutti gli elementi del verbale originale, compresa l'indicazione del nominativo del responsabile del procedimento informatico e quello di chi certifica che l'atto elaborato è conforme all'originale.
Così prevede la norma (art. 201 del Codice della Strada e art. 385 del Regolamento di esecuzione) e così ha confermato più volte la giurisprudenza (da ultimo la I Sezione della Cassazione 6 marzo 1999, n. 1923).
La Polizia Locale ha inserito un elemento aggiuntivo non strettamente richiesto: le firme dei Responsabili del procedimento, certificate e depositate.

PERMESSO TIPO M
TRASPORTO MERCI – OPERAZIONI DI CARICO E SCARICO
( permanenti/consuetudinarie/ripetitive)

Gli autocarri:

1.    Autocarri adibiti al trasporto generi alimentari deperibili, medicinali, plasma,trasporto valori mezzi blindati.
2.    Autocarri in uso ad agenzie di recapito e ditte di trasporto c/o terzi per facilitare la distribuzione comune delle merci.
3.    Autoveicoli destinati al trasporto di preziosi.
4.    Autoveicoli a servizio degli agenti di commercio regolarmente iscritti alla CCIA della provincia di Roma, qualora dichiarino di trasportare un campionario voluminoso o pesante.

potranno ottenere un solo permesso di circolazione adibiti al trasporto merci con peso a pieno carico fino a 3,5t - Larghezza massima di mt. 2,00 - Altezza massima mt 2,70 e potranno accedere alla Z.T.L. solo se dotati di contrassegno che li autorizzi all'ingresso nelle fasce orarie indicate da apposita Ordinanza.

c)    Non potranno invece accedere alla Z.T.L., gli autocarri, con peso a pieno carico  superiore a 3,5t
d)    Non potranno invece accedere alla Z.T.L., gli autocarri con peso a pieno carico  inferiore a 3,5t ma con  Larghezza massima superiore a mt. 2,00 - Altezza massima superiore a mt  2,70

Elenco dei documenti necessari per il rilascio del contrassegno di transito e sosta per le operazioni di carico e scarico merci:

La richiesta del contrassegno (permesso) dovrà essere predisposta su apposita domanda in bollo,  alla quale dovrà essere  allegata:

1.    Dichiarazione sostitutiva di certificazione con i dati dell'iscrizione alla CCIAA
2.    Per le imprese che trasportano in conto terzi: dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa all’ iscrizione all'Albo Trasportatori di cose per conto terzi.
3.    Per le imprese che trasportano in conto proprio: dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa all’ iscrizione alla C.C.I.A.A.
4.    Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, contenente il numero di targa i  dati dell’autocarro adibito al trasporto merci risultanti dal libretto di circolazione dell’autocarro stesso, ovvero copia del libretto di circolazione.

In relazione alla natura di tale permesso lo stesso avrà una validità di un anno rinnovabile a richiesta dell'interessato. Trascorso tale periodo l'autorizzazione sarà revocata.


contrassegno invalidiVEICOLI AL SERVIZIO DELLE PERSONE INVALIDE

I veicoli al servizio delle persone disabili possono accedere liberamente alla Zona a Traffico Limitata anche negli orari vietati

Vi sono due possibilità:

a)    COMUNICAZIONE TARGA DI CORTESIA: Il cittadino con ridotta mobilità presenta la richiesta al Corpo di Polizia Locale e comunica la targa del veicolo prevalentemente utilizzato. Quindi, la targa viene inserita nell'elenco degli autorizzati al transito. (Questa comunicazione è utile se si accede alla ZTL abbastanza frequentemente.)

b)    COMUNICAZIONE TARGA TRANSITO OCCASIONALE: Il cittadino con ridotta mobilità può richiedere "a posteriori" che un transito venga autorizzato. In questo caso è necessario regolarizzare il transito entro 72 ore dall'accesso, inviando Via Fax 0765/388051 - Via Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."  il modulo di richiesta con allegati i seguenti documenti:

I.    Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sottoscritta dall'invalido con la quale dichiara che nel giorno/ora/ luogo era effettivamente a bordo del veicolo (specificare modello -targa)  che è entrato all'interno della Z.T.L.
II.    Fotocopia dell'autorizzazione disabili.
III.    Fotocopia di un documento di identità dell'intestatario dell'autorizzazione disabili
IV.    Fotocopia della Patente di Guida del Conducente.

Il cittadino con ridotta mobilità può richiedere anche preventivamente che un transito venga autorizzato. In questo caso è necessario che trasmetta la documentazione sopra indicata al Corpo di Polizia Locale  almeno 6 ore prima, agli indirizzi/numeri e con le modalità indicate ne rispettivo modulo di richiesta.

Ogni richiesta priva di tutta la documentazione richiesta non sarà ritenuta valida e non produrrà alcun effetto per la regolarizzazione del transito


PERMESSI TEMPORANEI T
 

Contrassegni temporanei di durata fino a 24 ore o durata fino a 48 ore

È consentito il transito e la sosta secondo le prescrizioni di volta in volta riportate sul contrassegno.

Il contrassegno viene rilasciato, per:  

a) Carico-scarico oggetti pesanti, ingombranti, merci deperibili;
b) trasporto di persone con temporaneo impedimento della deambulazione;
c) rappresentanti di commercio con campionario pesante o ingombrante;
e) imprese cui è stata rilasciata concessione OSAP in ZTL per lavori o traslochi
f) accesso a posto auto privato di cui l’interessato ha la temporanea disponibilità;
g) servizi di pubblica utilità temporanei;
h) eventi, manifestazioni particolari;
i) accompagnamento di alunni di asili nido, scuole dell’infanzia ed elementari o altre strutture ricettive (se presenti all'interno della Z.T.L.)
j) clienti di autorimesse, autofficine.
l) sussistenza temporanea dei requisiti previsti per il rilascio di contrassegni permanenti;

Elenco dei documenti necessari per il rilascio del contrassegno:

La richiesta del contrassegno (permesso) dovrà essere predisposta su apposita domanda in bollo, alla quale dovrà essere  allegata:

1)    Richiesta- Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rappresentando e documentando le necessità di transito e/o sosta nella ZTL indicando i dati del veicolo e la targa

L’interessato deve presentare richiesta al Corpo di Polizia Locale almeno cinque giorni prima rappresentando la necessità di accesso alla ZTL, allegando idonea documentazione di cui sopra
L‘Ufficio vista la sussistenza dei requisiti, provvede al rilascio del contrassegno per il tempo strettamente necessario all’espletamento delle attività.
Su ogni contrassegno può essere inserito un solo numero di targa.   

CONTRASSEGNI TEMPORANEI T PER EVENTI E CERIMONI
(matrimoni, battesimi, funerali, ecc…)

Gli interessati devono presentare con un anticipo rispetto all’ingresso di almeno dieci giorni lavorativi, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà al Corpo di Polizia indicando per ogni evento un massimo di DUE targhe delle autovetture utilizzate, il varco di ingresso, il luogo della cerimonia, l’orario di inizio.
Non saranno rilasciate autorizzazione per lo svolgimento di Cresime o Comunioni.  
Viene rilasciato un contrassegno temporaneo per ciascuna autovettura con l’indicazione dell’orario di accesso alla ZTL nonché della eventuale sosta per un tempo massimo di DUE ORE con obbligo di esposizione del disco orario ben visibile (da apporsi sul lato interno del parabrezza visibile all'esterno ed indicante l'ora d'arrivo).
In caso di sosta con disco orario non esporto o scaduto il veicolo sarà soggetto a sanzione amministrativa secondo quanto previsto dalle norme del C.d.S.

Nel caso di funerali le Agenzie Funebri devono comunicare al Corpo di Polizia Locale con un anticipo rispetto all’ingresso entro 24 ore dall’evento un massimo di QUATTRO VEICOLI utilizzati, l’orario di ingresso, i varchi di ingresso, il luogo della cerimonia, l’orario di inizio.
I parenti del defunto possono altresì richiedere l’autorizzazione per TRE VEICOLI  seguente modo:
a)    comunicare al Corpo di Polizia Locale con un anticipo rispetto all’ingresso entro 24 ore dall’evento il numero di targa dei DUE VEICOLI utilizzati, l’orario di ingresso, i varchi di ingresso, il luogo della cerimonia, l’orario di inizio.
b)    comunicare "a posteriori" che un transito venga autorizzato. In questo caso è necessario regolarizzare il transito entro 72 ore dall'accesso.

Per l’autorizzazione dei veicoli dei parenti del defunto la richiesta secondo le modalità indicate nel punto a) e b) può essere presentata anche dall’Agenzia Funebre incaricata per lo svolgimento del funerale.   


Elenco dei documenti necessari per il rilascio del contrassegno:

La richiesta del contrassegno (permesso) dovrà essere predisposta su apposita domanda in bollo, alla quale dovrà essere allegata:

1.    Richiesta- Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rappresentando e documentando le necessità di transito e/o sosta nella ZTL. indicando i dati del veicolo e la targa.

Il richiedente che non ha un veicolo di proprietà ma né utilizza uno in locazione o concesso in uso deve allegare alla predetta documentazione anche la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà indicante il rapporto giuridico tra il richiedente e l'effettivo  proprietario dell’autoveicolo utilizzato dal richiedente e/o dai componenti del nucleo abitativo e di non essere in possesso di altri contrassegni.

Le richieste prive della suddetta documentazione saranno considerate irricevibili e pertanto archiviate.


CONTRASSEGNI TEMPORANEI T DI DURATA SUPERIORE A 48 ORE E FINO A SEI MESI

Per esigenze superiori alle 48 ore deve essere presentata una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà all’Ufficio ZTL, rappresentando e documentando le necessità di transito e/o sosta nella ZTL.
L‘Ufficio, vista la sussistenza dei requisiti, provvede al rilascio del contrassegno.

Per un eventuale rinnovo deve essere presentata nuova e documentata comunicazione al fine di verificare il persistere delle esigenze.

La richiesta del contrassegno (permesso) dovrà essere predisposta su apposita domanda in bollo, alla quale dovrà essere  allegata:

1)    Richiesta- Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rappresentando e documentando le necessità di transito e/o sosta nella ZTL. indicando i dati del veicolo e la targa

Il richiedente che non ha un veicolo di proprietà ma né utilizza uno in locazione o concesso in uso deve allegare alla predetta documentazione anche la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà indicante il rapporto giuridico tra il richiedente e l'effettivo  proprietario dell’autoveicolo utilizzato dal richiedente e/o dai componenti del nucleo abitativo e di non essere in possesso di altri contrassegni.

Le richieste prive della suddetta documentazione saranno considerate irricevibili e pertanto archiviate.


REGOLARIZZAZIONE DEI TRANSITI ENTRO LE 48 ORE SUCCESSIVE AL TRANSITO

Può essere regolarizzato un singolo transito in Z.T.L. avvenuto per

1.    Medico per visita domiciliare urgente per paziente residente in Z.T.L.
2.    Manutentore chiamato per intervento di emergenza
3.    Autorizzato con vettura sostituiva
4.    Taxi o veicoli adibiti a noleggio con conducente
5.    Veicoli pubblici adibiti  trasporto medicinali urgenti
6.    Veicoli per trasporto merci deteriorabili.

Nei casi previsti l’interessato deve comunicare, con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, entro 48 ore dall’accesso non comprensive dei giorni di sabato, domenica e festivi, i motivi del transito indicando numero di targa dell’autoveicolo ed allegando comprovante certificazione/documentazione a giustificazione dell’ingresso in Z.T.L.

Il richiedente che non ha un veicolo di proprietà ma né utilizza uno in locazione o concesso in uso deve allegare alla predetta documentazione anche la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà indicante il rapporto giuridico tra il richiedente e l'effettivo  proprietario dell’autoveicolo utilizzato dal richiedente e/o dai componenti del nucleo abitativo e di non essere in possesso di altri contrassegni.

Le richieste prive della suddetta documentazione saranno considerate irricevibili e pertanto archiviate.

  IL COMANDANTE DEL CORPO P OL I Z I A  L O C A L E (Dott. Fabrizio Arpino)


 spuntaALTRE NOTIZIE

articolo del 29 novembre 2016 "Rinnovo permessi Z.T.L."
articolo del 6 novembre 2014 "dal 24 novembre attiva la Z.T.L." e lettera del Sindaco ottorino Ferilli.
articolo del 16 dicembre 2014 " Dal 23 dicembre completamente attiva la Z.T.L"
articolo del 13 marzo 2015 " Chiarimenti in merito a richieste autorizzazioni temporanee transito Z.T.L."
articolo del 10 aprile 2015 "Procedura per corretto ingresso ZTL persone con contrassegno invalidi"

spuntaNORME

icona pdfdelibera Giunta Comunale n. 145/2014

icona pdfRegolamento transito e sosta dei veicoli nella zona a traffico limitato

 icona pdfordinanza n. 132 - disciplina della circolazione e sosta dei veicoli nella Z.T.L. istituita all'interno del Centro storico  - Comune di Fiano Romano 

 


  spuntaMODULISTICA

icona pdfmodello residenti

icona pdfmodello non residenti

icona pdfmodello diversamente abili

icona pdfmodello permessi carico e scarico

icona pdfmodello permessi temporanei

icona pdfmodello_regolarizzazione_transito

icona pdfmodello_permessi persone anziane sole

icona pdfmodello permessi attività artigiane

icona pdfmodello permessi attività commerciali

icona pdfmodello permessi enti pubblici

icona pdfmodello permessi servizi primari

icona pdfdichiarazione sostitutiva dell'atto notorio

Aree tematiche