Vai direttamente al contenuto
 
Menu di servizio
Menu di navigazione sinistro

 

servizi cittadino2

 

 

politiche sociali

 

 

 

 

 

Comune Notizie2

 

 

 

 

comefareper2

 

 

 

 

protezione civile regione l

 

 

 

vigilanza notturna

 

 

 

 

geoplan

 

 

 

quotidiano pub amm

 

 

 

 

 

definizione agevolata
 

RIPARTIRE SICURI | Disposizioni e linee guida, dal 18 maggio


 

ripartire sicuriIl Presidente Conte ha illustrato in conferenza stampa le misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 in vigore dal 18 maggio. Il dpcm delinea il quadro normativo nazionale nell’ambito del quale, fino al 31 luglio 2020, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche, produttive e sociali. Le aperture, consentite purché non vi siano peggioramenti della curva dei contagi, e le misure in vigore da domani:

  • 18 maggio: possono riaprire negozi, servizi di cura alla persona, bar e ristoranti, stabilimenti balneari, uffici pubblici e musei; possono riprendere le funzioni religiose e le riunioni (sempre mantenendo le distanze di sicurezza anti-Covid-19); si può uscire senza restrizioni particolari sulla destinazione entro i confini regionali (salvo disposizioni locali per aree a rischio) o sugli incontri, non serve più l’autocertificazione.
  • 25 maggio: possono riaprire – previa autorizzazione regionale – anche palestre, piscine e centri sportivi.
  • 15 giugno: possono riaprire cinema e teatri, partono i servizi mirati con offerte ricreative per i bambini.
  • 3 giugno: ci si può spostare tra regioni diverse, previa conferma del trend in calo sui contagi e con la possibilità di imporre restrizioni per aree a rischio; sono ammessi i viaggi all’estero e gli ingressi in Italia senza quarantena preventiva (con le consuete possibili disposizioni specifiche certe aree e nel rispetto delle misure restrittive internazionali e comunitarie che ad esempio limitano gli ingressi in alcuni paesi esteri dall’Italia; gli spostamenti tra Città del Vaticano o San Marino e le regioni confinanti non sono soggetti a limitazioni).

Vietati gli assembramenti in luoghi pubblici. Ai sindaci resta consentito limitare l’accesso alle aree dove non è possibile garantire il distanziamento fisico.

 

Regione Lazio

Tutte le informazioni per ripartire sicuri dal 18 maggio

1. A decorrere dal 18 maggio 2020 sono consentite le seguenti attività economiche, commerciali e artigianali:

a. commercio al dettaglio in sede fissa, compresi centri commerciali e outlet;

b. commercio su aree pubbliche (mercati, posteggi fuori mercato e chioschi);

c. attività artigianali;

d. servizi di somministrazione di alimenti e bevande;

e. attività di servizi della persona (a titolo esemplificativo barbieri, parrucchieri centri estetici, centri tatuatori e piercing), con l’esclusione delle attività di gestione di bagni turchi, saune e bagni di vapore;

f. agenzie di viaggio.

2. Le attività di cui al punto 1 devono svolgersi nel rispetto dei contenuti delle Linee di indirizzo per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive elaborate dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni ed allegate alla presente ordinanza.

3. A decorrere da 18 maggio 2020 sono inoltre consentiti:

a. lo svolgimento di attività sportive individuali, anche presso strutture e centri sportivi, nel rispetto delle misure di sanificazione e distanziamento fisico tra gli atleti, nonché tra atleti, addetti e istruttori, con esclusione di utilizzo degli spogliatoi, piscine, palestre, luoghi di socializzazione;

b. l’attività nautica di diporto;

c. il pilotaggio di aerei ultraleggeri;

d. l’attività di pesca nelle acque interne (fiumi, laghi naturali e artificiali) e in mare (sia da imbarcazione che da terra che subacquea);

e. l’attività di allenamento e di addestramento di animali in zone ed aree specificamente attrezzate, in forma individuale da parte dei proprietari o degli allevatori e addestratori;

f. l’apicultura;

g. la caccia selettiva delle specie di fauna selvatica allo scopo di prevenire ed eliminare gravi problemi per l’incolumità pubblica.

4. A decorrere dal 18 maggio 2020 è inoltre consentito, per le attività ancora sospese, l’accesso alle strutture e agli spazi aziendali esclusivamente al personale impegnato in attività di allestimento, manutenzione, ristrutturazione, montaggio, pulizia e sanificazione, nonché a operatori economici ai quali sono commissionate tali attività finalizzate alla predisposizione delle misure di prevenzione e contenimento del contagio propedeutiche a successive disposizioni di apertura. Le attività consentite ai sensi del presente punto riguardano anche i parchi divertimento e i parchi tematici.

5. Le attività di cui è consentita la riapertura adottano tutte le generali misure di sicurezza relative, a titolo esemplificativo e non esaustivo, all’igiene personale e degli ambienti e del distanziamento fisico, nonché quelle specificamente definite per ciascuna tipologia nelle Linee di indirizzo per la riapertura allegate alla presente ordinanza. Le attività per le quali non sono definite specifiche disposizioni ricorrono ai principi generali di igiene e contenimento del contagio contenute:

a. nel "Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro" sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali, successivamente integrati in data 24 aprile 2020.

b. nelle linee guida nazionali in materia di sanificazione.

6. Allo scopo di assicurare la massima compatibilità tra gli obiettivi di ripresa delle attività economiche e sociali e quelli di sicurezza dei servizi di trasporto pubblico, i soggetti interessati dalla presente ordinanza si conformano alla disciplina degli orari di apertura delle attività commerciali, artigianali e produttive eventualmente stabilite con provvedimento del Sindaco del comune di riferimento. Tali discipline prevedono in ogni caso la chiusura delle attività commerciali non oltre le ore 21:30, fatta esclusione delle farmacie, parafarmacie, aree di servizio, servizi di somministrazione di alimenti e bevande sul suolo o da asporto.

(fonte regione.lazio.it)

 

Ordinanza Regione Lazio

 

17/05/2020

Aree tematiche