Vai direttamente al contenuto
 
Menu di servizio
Menu di navigazione sinistro

 

servizi cittadino2

 

 

politiche sociali

 

 

 

 

 

Comune Notizie2

 

 

 

 

comefareper2

 

 

 

 

 

protezione civile regione l

 

 

 

geoplan

 

 

 

quotidiano pub amm

 

 

 

 

 

definizione agevolata
 

Ordinanza per emergenza idrica

 

ORDINANZA n ° 19 del 18.01.2013

IL SINDACO

Premesso che il Comune di Fiano Romano con Delibera di C.C. n° 47 del 09.09.2002 ha approvato la Convenzione di Gestione del Servizio Idrico Integrato ATO e che a seguito di ciò in data 15.02.2006 è stato trasferito il Servizio Idrico Integrato del Comune di Fiano Romano alla Società ACEA ATO2 SPA;

Evidenziato che dai primi mesi dell’anno 2012 si è verificata una grave emergenza idrica dovuta alla insufficiente erogazione dell’acqua e che tale situazione è perdurata nel tempo indipendentemente dalle stagioni e dalle temperature esterne;

Precisato che:

  • In data 07.06.2012 con nota prot. 14811 sono stati chiesti ad ACEA ATO2 S.p.a. chiarimenti sulla situazione in essere e dati sui consumi storici di acqua nelle diverse zone del Comune;
  • In data 27.06.2012 con nota prot. 16790 inviata ad ACEA ATO2 S.p.a., al Presidente della Regione Lazio ed al Presidente della Provincia di Roma il Comune di Fiano Romano ha denunciato la situazione di grave disservizio idrico e di mancato rispetto degli impegni assunti con i Comuni dell’Autorità d’Ambito;
  • Con diverse note inviate dall’Ufficio LL.PP. nel tempo sono state segnalate dettagliatamente tutte le situazioni di carenza idrica nelle varie zone;
  • Con Delibera n° 49 del 31.07.2012 il Consiglio Comunale ha dato mandato al Sindaco di porre in essere tutte le azioni necessarie alla soluzione delle problematiche in essere;
  • Perdurando la situazione in data 31.10.2012 il Sindaco ha inoltrato formale denuncia alla Procura della Repubblica di Rieti;
  • Con nota prot. 30336 del 16.11.2012 il Sindaco ha richiesto l’intervento del Prefetto di Roma;
  • Con nota prot. 30568 del 20.11.2012 il Sindaco ha denunciato la situazione al Presidente della Repubblica;
  • Nel frattempo sono state effettuate numerose riunioni con i tecnici ACEA ATO2 S.p.a. nel corso delle quali è emersa la possibilità di utilizzare un pozzo di proprietà privata situato in località “Laghetto Bracci” ipotesi sulla quale i proprietari hanno manifestato massima disponibilità ed assenso vista la situazione in essere;
  • Con Delibera n° 227 del 12.12.2012 la Giunta Comunale ha intimato ad ACEA ATO2 S.p.a. di assumersi formale impegno per l’effettuazione di tutti gli interventi necessari alla messa in esercizio di un nuovo pozzo da utilizzare per incrementare l’apporto idrico nella rete comunale;
  • Con nota prot. 33867 del 28.12.2012 inviata ad ACEA ATO2 S.p.a. e alla STO ATO2 il Responsabile dell’Ufficio LL.PP. ha ulteriormente denunciato la situazione di emergenza nonostante la stagione invernale in atto;
  • Con nota prot. 235 del 03.01.2013 il Sindaco ha chiesto ad ACEA ATO2 S.p.a. un cronoprogramma dettagliato relativo alle attività da effettuarsi;
  • In data 15.01.2013 ACEA ATO2 S.p.a. ha informato il Comune di Fiano Romano che era in corso l’attività progettuale finalizzata alla riperforazione del pozzo privato prevedendo l’inizio dei lavori per il mese di maggio 2013;

 

Rilevato che:

  • L’acqua è un bene primario e l’accesso all’acqua potabile costituisce un diritto inviolabile dell’uomo che si può annoverare fra quelli di cui all’art. 2 della Costituzione Italiana;
  • Il problema della emergenza idrica perdura oramai da circa un anno e non è sostenibile prevedere un inizio dei lavori ipoteticamente fissato a maggio 2013 con la certezza che l’utilizzo del nuovo pozzo avverrà a stagione estiva oramai al termine;

Considerato che la situazione in essere determina l’insorgenza di problematiche di ordine pubblico e sanitario, materia quest’ultima di stretta competenza del Sindaco;

Ritenuto opportuno che il Sindaco, nella sua qualità di tutore della salute pubblica, attivi, anche in via d’urgenza, tutte le procedure necessarie alla eliminazione degli inconvenienti riscontrati dal mese di aprile 2007;

Ravvisata la necessità di accelerare tutte le attività necessarie alla riperforazione del pozzo situato sul terreno distinto al Catasto al Foglio 9 Part. 39, tenuto conto che la proprietà privata ha ribadito anche nella riunione tenutasi il 16.01.2013 nella Sede Comunale la massima disponibilità all’utilizzo dello stesso ed alla effettuazione delle opere necessarie;

Visto il comma 5 dell’art. 50 del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i.;

ORDINA

Alla Società ACEA ATO2 S.p.a. di avviare i lavori di riperforazione del pozzo situato sul terreno distinto al Catasto al Foglio 9 Part. 39 entro il termine di giorni 30 dal ricevimento della presente Ordinanza dando atto che la messa in esercizio del pozzo dovrà avvenire prima dell’inizio della stagione estiva.

In caso di mancata ottemperanza provvederà direttamente il Comune di Fiano Romano dando atto che gli oneri necessari saranno a totale carico della Società ACEA ATO2 S.p.a.

La presente Ordinanza dovrà essere notificata a:

- ACEA ATO2 S.p.a. nella persona del Presidente Ing. Sandro Cecili;

- ACEA ATO2 S.p.a. nella persona del Vice Presidente Dott. Salvatore Doddi;

- ACEA ATO2 S.p.a. nella persona del Responsabile del Bacino Nord Ing. Francesco Pratesi

- STO AATO2 nella persona del Dirigente Responsabile Ing. Alessandro Piotti;

- PREFETTO di Roma

Il Sindaco Ottorino Ferilli

 

Aree tematiche