Vai direttamente al contenuto
 
Menu di servizio
Menu di navigazione sinistro

 

servizi cittadino2

 

 

politiche sociali

 

 

 

 

 

Comune Notizie2

 

 

 

 

comefareper2

 

 

 

 

protezione civile regione l

 

 

 

vigilanza notturna

 

 

 

 

geoplan

 

 

 

quotidiano pub amm

 

 

 

 

 

definizione agevolata
 

"D'Amore non si muore"|Consuntivo


 

amore non si muore1Sala gremita per la conferenza “D’Amore non si Muore”, che si è svolta il 2 dicembre presso la Sala Conferenza del Castello Ducale.

Hanno preso parte alla conferenza le associazioni culturali presenti sul territorio, la Croce Rossa Italiana, gli educatori e gli operatori sociali, gli insegnanti la squadra femminile di Calcio A 5 SS Lazio e grande è stata la partecipazione dei genitori.

“Parliamo di educazione affettiva poiché la visione distorta e malsana dei sentimenti e delle emozioni rischia di generare confusione soprattutto nei bambini, una confusione così grande da ostacolare, molto spesso con diverse problematiche tra i nostri figli, il cammino di crescita verso la maturità affettiva e sessuale nel rispetto di sé e degli altri” così ha aperto la Conferenza il Sindaco Ottorino Ferilli.

Tra i relatori presenti il Comandante della Stazione dei Carabinieri Carlo Sivoccia, l’assessore alla Pubblica Istruzione e allo Sport Davide Santonastaso, la Dott.ssa Carmela Longobardi psicoterapeuta e referente dell’Area Minori del Comune e la Dott.ssa Stefania Rivetti, Consulente Comunicazione e Marketing.

Molti sono stati gli argomenti affrontati: violenza di genere, discriminazione sessuale, la Buona Scuola, rischi e opportunità dei social network utilizzati dai minori, nonché isolamento, intimidazioni, minacce e le diverse forme di violenza.Temi questi ultimi affrontati dal amore non si muore2Comandante Sivoccia che ha sottolineato nel suo intervento l’importanza della rete sociale e istituzionale per proteggere chi compie il grande passo della denuncia, ribadendo inoltre che anche in presenza di una denuncia orale le Forze dell’Ordine sono in grado di agire, oggi.

Attraverso diversi progetti educativi e sociali l’Amministrazione comunale ha, negli ultimi anni, ribadito la propria posizione riguardo alla prevenzione come deterrente efficace contro ogni forma di violenza e abuso. “La prevenzione è soluzione” così ha esordito l’assessore Santonastaso che ha voluto informare la platea sui progetti che il Comune, ogni anno, porta a scuola con diversi professionisti, con molte associazioni culturali e con la Dott.ssa Longobardi, referente dell’Area Minori del Comune di Fiano Romano: prevenzione al bullismo, al cyberbullismo, alla dispersione scolastica, al disagio giovanile. La Dott.ssa Longobardi ha presentato in maniera dettagliata il progetto di Educazione Affettiva e Sessuale, che da oltre due anni l'Amministrazione Comunale porta nelle scuole. Le finalità del progetto sono: fornire informazioni conoscenza e competenze, favorire lo sviluppo della capacità critiche di sé e dell'altro, favorire lo sviluppo dei valori umani e la capacità di prendere decisioni, supportare l'adolescente rispetto alle difficoltà che attraversa, prevenire comportamenti sessualmente inadeguati e atti di bullismo, sostenere gli educatori (genitori e insegnanti) al ruolo di accompagnamento dell'adolescente nella ricerca della sua identità di persona.

Per questi motivi e altri di natura contingente è stato istituito inoltre uno Sportello d’Ascolto dentro la scuola per ragazzi e genitori. Lo Sportello è aperto il Lunedì dalle 11:00 alle 13:00 per i ragazzi della Scuola Media e gli insegnanti e i genitori possono prendere appuntamento attraverso una richiesta email da inviare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

In conclusione, l’intervento della Dott.ssa Rivetti invece per affrontare  il difficile tema della comunicazione responsabile: “molto spesso l’immagine della donna e anche dell’uomo, in alcune pubblicità e campagne anche a scopo sociale, nonché la disarmonia tra messaggio e obiettivo finale, inducono le aziende a comunicare, in modo non responsabile provocando così un effetto domino importante dal punto di vista della notorietà ma non dal punto di vista della propria reputazione”.

La conferenza è terminata con un momento di confronto in sala tra relatori e pubblico.

 

Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne

Comune di Fiano Romano

Aree tematiche